APOLLO BELVEDERE GOES TO ART BASEL MIAMI

APOLLO BELVEDERE GOES TO ART BASEL MIAMI

logo

VISIONNAIRE NFT, creato e lanciato nell’aprile 2022, è un progetto firmato Visionnaire che si propone di esplorare i linguaggi innovativi dell’arte e del design nell’era del Web3. La sinergia tra l’esperienza di Visionnaire e l’estetica dell’artista Jonathan Monaghan ha creato un forte legame tra tradizione artigianale e l’era digitale. L’immaginazione è l’elemento chiave nell’atto di trasformazione di materiali preziosi di Visionnaire in prodotti per ambienti unici. Questo progetto esprime il rapporto continuo e il dialogo del brand con il mondo dell’Avanguardia.

Apollo Belvedere è sia una scultura in marmo che un’animazione, unita in modo univoco alla tecnologia NFT+. L’opera è esposta presso l’Embassy Visionnaire di Miami dal 28 novembre al 4 dicembre 2022.

 

Il progetto consiste in un’installazione immersiva dove meta-lusso e metaverso si incontrano in un unico luogo. Visionnaire Miami aveva già ospitato durante Art Basel Miami 2019 The Garden of Beauty in collaborazione con Marc Ange, un’ode alla bellezza romantica e incantevole del pavone: Il Pavone.

Il progetto è presentato con un’installazione immersiva unica, nella quale esperienze fisiche e digitali si intrecciano. Un avvolgente drappo di velluto ospita la scultura in marmo di Cararra dell’Apollo Belvedere e l’ultimo drop NFT.

R
L

I primi tre video “teaser” NFT sono stati lanciati il 28 marzo scorso sul Marketplace Foundation, una delle piattaforme digitali più importanti per artisti, curatori e collezionisti delle nuove industrie creative. Monaghan ha collaborato con Visionnaire, scegliendo Apollo, l’arciere greco, come simbolo di perfezione estetica e vitalità per il futuro.

In occasione della 60° edizione del Salone del Mobile di Milano, Visionnaire ha presentato la scultura “Apollo Belvedere” presso la sua Wunderkammer insieme all’artista, il quale ha svelato la scultura accompagnata da un NFT 1/1.

L’idea alla base di questo secondo drop è stata quella di creare un’opera d’arte singola one-of-a-kind, in contrapposizione alla continua evoluzione e riproduzione di massa che caratterizzano il mercato delle opere d’arte NFT. Inoltre, “Apollo Belvedere” propone il dialogo tra esposizioni fisiche e digitali, sottolineando come il rapporto tra i due ambienti possa offrire una nuova esperienza al pubblico e ai collezionisti.

Il busto fisico è stato realizzato in marmo di Carrara, il luogo in Toscana da cui si ricava questa pregiata pietra sin dall’epoca dell’Impero Romano. Trasportato in Nord Italia, il marmo è stato trasformato nel busto del dio greco grazie alle mani degli artigiani italiani, che l’hanno tagliato, scolpito e cesellato. Ci sono voluti mesi di lavoro per ottenere la visione idealistica della texture, dei dettagli e della delicatezza eterea che Visionnaire e Monaghan avevano in mente. Insieme al busto in marmo, Monaghan ha poi creato una surreale animazione video in 3D, in cui una navicella spaziale aliena rivela la scultura in uno scenario barocco. “Il busto affronta una feroce pantera rossa, simbolo associato al dio greco Dioniso e al concetto di caos. La divinità dell’Olimpo Apollo, simbolo di perfezione estetica, sconfigge la bestia e ripristina l’ordine in questo mondo di fantasia”, spiega l’artista.

Coniato su Palm Network, con emissioni di carbonio quasi zero, “Apollo Belvedere” è all’asta sul marketplace 4ART NFT +.

Come Società Benefit, Visionnaire ha l’obiettivo prioritario di ridurre l’impatto ambientale di tutti i progetti che sviluppa. Il brand ha quindi stretto una collaborazione con Palm NFT Studio, che offre commissioni (gas fees) inferiori, transazioni più rapide e una riduzione di oltre il 99,99% dei consumi energetici rispetto ai sistemi di Proof of Work. Il mainnet Etherum è notoriamente una rete a utilizzo intensivo di carbonio per via del meccanismo di consenso “Proof of Work”, che necessita di elevate potenze di calcolo per le transazioni. Il meccanismo di consenso “Proof of Authority” (iBFT2) della rete Palm richiede invece livelli di potenza di calcolo nettamente inferiori. La quantità di energia richiesta dal “minting” sulla rete Palm equivale a quella prevista per l’invio di tre email. Visionnaire è inoltre diventata partner di Rete Clima per la compensazione delle emissioni di CO2 generate dal consumo di energia. Tenendo conto dell’intero processo di progettazione e produzione, dal rendering 3D al trasporto della statua finita, la quantità di energia consumata è stata contabilizzata e neutralizzata con la partecipazione al progetto “Allain Duhangan Hydropower Plant”, che punta a ridurre la dipendenza dell’India settentrionale dai combustibili fossili.

apollo

SULL’ARTISTA:

Jonathan Monaghan è un artista visivo americano che lavora sul rapporto tra sculture fisiche e animazione 3D. Attingendo a una varietà di fonti come la storia dell’arte e la sottocultura dei videogiochi, Jonathan è uno dei primi artisti ad operare nel mondo NFT ed ha iniziato a utilizzare la blockchain per autenticare le sue opere d’arte digitali già nel 2013. Le sue opere sono state esposte al Sundance Film Festival e al Palais de Tokyo. È rappresentato dalla galleria bitforms di New York.

Jonathan Monaghan