Nicola Bolla

(Saluzzo - Cuneo, 1963). Vive e lavora a Torino. Le sculture e le installazioni di Nicola Bolla sono l’espressione di una nuova Vanitas formulata attraverso l’uso sapiente dei cristalli Swarovski applicati ai soggetti della personale collezione dell’artista: teschi, animali mitologici, orinatoi, cappi o catene, oggetti diversi sia
per dimensioni che per valore iconico, dove convivono ossimori visivi e tematici: buio e luce, forma e contenuto, opulenza e miseria. La poetica di Nicola Bolla, nel gesto insegnato da Duchamp di estrapolare l’oggetto dal suo contesto per caricarlo di nuovi valori formali, supera una lettura tra oggetto e design, traducendosi piuttosto nell’urgenza di un racconto che si incentra sulla bellezza, surreale e poetica. Nicola Bolla è tra gli artisti invitati al Padiglione Italia durante la 53esima edizione della Biennale di Venezia del 2009.